Istituto di Scienze Marine

L’Istituto di Scienze Marine svolge attività di ricerca fondamentale e applicata in oceanografia fisica, chimica e biologica e in geologia marina.

L’obiettivo è contribuire allo studio dei processi oceanici e della variabilità climatica, allo sviluppo di sistemi/servizi per l’osservazione, la protezione e la gestione sostenibile dell’ambiente marino e delle coste.

L’Istituto di Scienze Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISMAR) svolge attività di

Ricerca Fondamentale e Applicata

in oceanografia fisica, chimica e biologica e in geologia marina con l’obiettivo di contribuire sia allo studio dei processi oceanici e della variabilità climatica che allo sviluppo di sistemi/servizi per l’osservazione, la protezione e la gestione sostenibile dell’ambiente marino e delle coste

VENEZIA

dd|mm|yyyy

MAREA

m

ONDE

m

VENTO
m/s

Dati presto disponibili

Presentazione: “Risorsa Acqua, dalle Dolomiti al Mare”, tre giorni di convegno 26-29 giugno

isorsa Acqua, dalle Dolomiti al Mare – Qualità, Sviluppo, Biodiversità”, è il titolo del convegno/laboratorio  ospitato dal rifugio Galassi, sulla forcella piccola dell’Antelao a Calalzo di Cadore, in provincia di Belluno dal 26 al 29 giugno.

L’iniziativa, presentata il 19 giugno a Ca’ Farsetti, è nata nel 2022 per porre l’attenzione sul tema acqua e sull’importanza della tutela di questa risorsa. E’ promossa dall’assessorato all’ambiente del Comune di Venezia, Club Alpino Italiano, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa, Fondazione Dolomiti UNESCO e Europe Direct Venezia Veneto a cui si aggiungono Città metropolitana di Venezia, Consorzio di Bonifica Acque Risorgive, Università Ca’ Foscari, Fondazione Venezia Capitale Mondiale della Sostenibilità, Consorzio Mitilla, Venezia 2000 e Comitato Marco Polo 700.

Nei quattro giorni di discussione il laboratorio alternerà 60 partecipanti, 44 che saliranno in rifugio e 16 che si collegheranno da remoto. Due le escursioni sull’Antelao e, novità di quest’anno, un momento di confronto con alcuni giovani del Cnr, con le loro domande e curiosità e una cena in quota a base di “Mitille” le cozze del consorzio di Pellestrina.

VIDEO di presentazione del Convegno

“Quello in programma al rifugio Galassi non sarà un semplice convegno ma un laboratorio condiviso in cui gli enti coinvolti sono impegnati a creare una rete di scambio di conoscenze per arrivare a definire azioni concrete e soluzioni nell’ottica della conservazione della biodiversità, aspetto su cui l’Italia rappresenta un unicum” ha aggiunto Angela Pomaro, ricercatrice del Cnr-Ismar Istituto di Scienze Marine di Venezia evidenziando l’importanza della tre giorni e ricordando l’inaugurazione nel 2023 del primo centro di ricerca italiano sulla biodiversità coordinato proprio dal Cnr. “L’evento è importante per il coinvolgimento dei nostri ricercatori, nell’ottica del costruire qualcosa insieme grazie al confronto delle rispettive competenze”.

“Il legame di Venezia con l’elemento acqua, definito l’oro blu, è imprescindibile. Nelle prime due edizioni di questa iniziativa in quota, là dove l’acqua nasce e scende verso i nostri fiumi e la laguna, abbiamo trovato l’ambiente ideale per discutere del presente ma soprattutto del futuro – spiega l’assessore all’Ambiente, Massimiliano De Martin – Abbiamo imparato a conoscere il nostro territorio, chi e come se ne prende cura, la sua morfologia, dove e come bisogna impegnarsi per prendersi sempre più cura della sua manutenzione. Per l’edizione 2024 del nostro convegno laboratorio abbiamo pensato di fare anche un salto indietro nella storia in concomitanza con i 700 anni della morte di Marco Polo e di far parlare le città cinesi che lo stesso viaggiatore veneziano ha scoperto e governato per capire qual è il loro modo di concepire il valore dell’elemento acqua – aggiunge l’assessore – Di raccontare come è cambiata la morfologia del territorio, della laguna, dei fiumi, delle stesse montagne. I suoi sistemi di difesa, l’utilizzo che si è fatto dell’elemento acqua nei secoli e affrontare le problematiche che viviamo quotidianamente con i cambiamenti climatici. Il tema dell’acqua resterà al centro della discussione che si svilupperà nei 4 giorni di laboratorio in quota ma che avrà nuove chiavi di declinazione che ruoteranno attorno al tema delle bioversità. Un vocabolo che sta entrando sempre di più nel linguaggio quotidiano, non solo scientifico, e che consente di affrontare anche la realtà del nostro elemento acqua sotto forme diverse” ha concluso l’assessore.

L’evento potrà essere seguito in diretta streaming al link: www.rifugiogalassi.it/eventoacqua e sulla pagina Facebook del Rifugio Galassi: https://www.facebook.com/rifugiogalassi

Galleria immagini: https://v41.it/L1ews
Contributo video: https://we.tl/t-xj9sgesp1u

Oceanography unveiled: empowering the next generation of marine scientists

The picturesque island of San Servolo in the Venice Lagoon, is hosting until July 20th, 2024, the the summer school “Oceanography Unveiled”, organized by the Institute of Marine Sciences of the National Research Council of Italy (Cnr-Ismar) jointly with the Venice International University (VIU), the National Institute of Oceanography and Applied Geophysics (OGS), University Parthenope Naples, University of Venice, University of Salento, Anton Dohrn Zoological Station in Naples (SZN). It is a dynamic program designed to equip young scientists with the essential skills and knowledge for writing scientific proposals in the field of oceanography. This initiative follows a series of seminars on Geophysical Fluid Dynamics, held from December 2003 to May 2024 at the Cnr-Ismar headquarters in Venice.

The primary objective of this summer school is to empower 30 participants, including research master students, graduate students, and early postdocs, with the tools needed to excel in scientific research. Over the initial three days, participants have delved into key oceanographic subjects through detailed lectures conducted by distinguished experts such as L. Talley, T. Tanhua, J. Wilkin, G. Sannino, A. Griffa, and A. Naveira-Garabato, covering a range of topics including Ocean Modelling, Global Ocean Circulation, Mixing and mesoscale and submesoscale dynamics. The school also hosted six “pitch lectures” by B. Buongiorno Nardelli, E. Sikes, F. Tanghetti, I. Haigh, A. Benetazzo, and C. Ferrarin.

These sessions have significantly enhanced participants’ understanding of ocean-related challenges. A unique feature of this program is its emphasis on the process of formulating a scientific proposal. Participants have engaged in active discussions, gleaned valuable insights from esteemed lecturers, and collectively identified unresolved issues within critical oceanic topics.

The summer school will culminate on Saturday, with participants divided into three groups (“Modeling” “Global Ocean” and “Mixing”) to present their draft research proposals. This final exercise not only reinforces the knowledge gained but also fosters a collaborative spirit among the young scientists.

Information:
Katrin Schroeder
Cnr-Ismar
katrin.schroeder@cnr.it
Jacopo Chiggiato, Cnr-Ismar, email: jacopo.chiggiato@cnr.it

See also

Prossimo seminario

 Giovedì 22 luglio
Ore 14:30

Sung Yong Kim (Korea Advanced Institute of Science and Technology)
“Coastal submesoscale circulation and technical data analysis using high-frequency radar-derived surface currents”
Locandina

COLLEGAMENTO Microsoft Teams

___________________

Disclaimer
“Partecipando a questo incontro, accetti che lo stesso venga registrato e reso disponibile sul cloud di ISMAR. Dalla registrazione verranno eliminati lista dei partecipanti e chat”
Ricordiamo a tutti di tenere spento il proprio microfono. Accenderlo solo in caso di intervento.

“By accessing this meeting you acknowledge that it will be recorded and made available on the ISMAR cloud. Chat and participant list will not be recorded.”
We ask everybody to mute their microphone, unless intervening. Please write your questions in the chat