Pesca e acquacoltura

Biologia della pesca

Paragraph Paragraph

Lo studio della biologia delle risorse marine è uno dei punti cardine nel campo di ricerca della pesca e dell’acquacultura.

Tipicamente, essa comprende lo studio delle caratteristiche biologiche ed ecologiche delle più importanti risorse marine sfruttate commercialmente, con l’obiettivo principale di fornire alle politiche della pesca strumenti utili ad un corretto e sostenibile sfruttamento di esse. In particolare, l’interesse è focalizzato su un ampia gamma di organismi marini, includendo pesci, molluschi, crostacei e mammiferi marini.

Gli aspetti di maggiore interesse riguardano la biologia riproduttiva, le abitudini alimentari, la crescita e la longevità, il comportamento e la sistematica. Le attività di campionamento sono effettuate sia in aree marine costiere che in ambienti profondi, così come in aree marine protette ed in barriere artificiali, localizzate soprattutto nel mare Adriatico e nel Mediterraneo, ma anche in aree remote (Antartide).

L’insieme dei dati raccolti costituisce lo strumento necessario utilizzato per valutare l’integrità delle risorse e il loro livello di sfruttamento, quantificare l’impatto delle varie attività antropiche sugli stocks e sui loro habitat, per sviluppare modelli ecologici e, infine, per fornire indicazioni utili all’implementazione di regole finalizzate ad una gestione sostenibile della pesca.

Azioni sul documento