Banner 1

progetto SICOMAR

sicomarlogo.png

Programma: INTERREG Italia-Francia Marittimo 2014-2020

Asse prioritario:  2 - Protezione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e gestione dei rischi

Titolo del progetto: Sistema Transfrontaliero per la Sicurezza in Mare Contro i Rischi della Navigazione e per la Salvaguardia dell'ambiente Marino plus

Acronimo: SICOMAR plus

Durata: 01/04/2019 – 30/03/2022

Budget totale: EUR 6.688.230

Budget ISMAR : EUR 413.076

Sito web: http://interreg-maritime.eu/it/web/sicomarplus

Sommario:

Il progetto SICOMAR plus affronta la sfida comune della sicurezza della navigazione e della qualità dell’ambiente marino transfrontaliero. L’obiettivo generale del progetto è ridurre i rischi legati agli incidenti nella navigazione e le loro conseguenze sulla vita umana, i beni e l’ambiente. Ciò viene realizzato creando un sistema coordinato di strumenti di governance, metodi innovativi di sorveglianza altamente tecnologici e nuovi servizi di sicurezza in mare. SICOMAR plus intende avviare un’azione di pianificazione strategica condivisa che, attraverso la definizione di un piano congiunto per il monitoraggio e di un piano congiunto per la sicurezza della navigazione e il pilotaggio, individui soluzioni di intervento per la sicurezza della navigazione nelle zone marine ad alto rischio dell’area di cooperazione. Il progetto ha obiettivi concreti: investimenti per migliorare la copertura delle reti di monitoraggio, aumentare l’efficacia dei sistemi previsionali per la riduzione dei rischi, servizi per la sicurezza in mare e la protezione dell'ambiente, la condivisione e l’interoperabilità dei dati. Principali attori e destinatari sono le Pubbliche Amministrazioni, le loro agenzie, i centri di ricerca, i cittadini, gli operatori economici privati, le associazioni ambientaliste. L’approccio integrato transfrontaliero riguarda molti aspetti: l’integrazione delle reti e dei sistemi per il monitoraggio e la condivisione dei dati, l'implementazione di modelli previsionali a ridotta incertezza, la dimostrazione di servizi di pilotaggio e di gestione delle emergenze. Saranno attivate iniziative di comunicazione per aumentare la consapevolezza dei target coinvolti nella gestione integrata della sicurezza in mare e di formazione per il personale marittimo e gli stakeholders. L’aspetto innovativo concerne sia il metodo che gli strumenti: coordinamento di strumenti di governance, metodologie di sorveglianza tecnologicamente avanzate e nuovi servizi di sicurezza in mare.

Persona di contatto in ISMAR: marcello.magaldi@sp.ismar.cnr.it

Partnership:

  1. Regione Toscana (Italia)
  2. Consorzio Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile (Italia)
  3. Université de Toulon (Francia)
  4. Institut FMES (Francia)
  5. Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure (Italia)
  6. Fondazione CIMA – Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale (Italia)
  7. Università degli studi di Genova (Italia)
  8. Consiglio Nazionale delle Ricerche (Italia)
  9. Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Sardegna (Italia)
  10. Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena (Italia)
  11. Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera (Italia)
  12. Office de l’Environnement de la Corse (Francia)
  13. Institut Français de Recherche et d’Exploitation de la MER – IFREMER (France)
  14. Service d’incendie et de secours de la Haute-Corse – SDIS 2B (France)
  15. Communauté des Communes Golfe de Saint-Tropez (Francia)
  16. Institut méditerranéen des hautes études stratégiques (France)
Azioni sul documento