Banner 10

Il processo di contaminazione salina nelle aree costiere

mappa della profondità dell’interfaccia acqua dolce-salata. Le aree ricadenti nella prima classe (0-5) metri sono ad alto rischio di desertificazione del suolo in quanto la contaminazione salina interessa direttamente i terreni coltivati profondità della base della contaminazione salina sezione verticale di resistività elettriche ottenuta con rilevo elettromagnetico da elicottero (SkyTEM) che mostra il cuneo salino intrudersi negli acquiferi costieri

Esempio della costa veneziana.

Nelle immagini a destra:

a) mappa della profondità dell’interfaccia acqua dolce-salata. Le aree ricadenti nella prima classe (0-5) metri sono ad alto rischio di desertificazione del suolo in quanto la contaminazione salina interessa direttamente i terreni coltivati.

b) profondità della base della contaminazione salina.

c) sezione verticale di resistività elettriche ottenuta con rilevo elettromagnetico da elicottero (SkyTEM) che mostra il cuneo salino intrudersi negli acquiferi costieri.

La contaminazione salina si estende fino a 20 km dalla costa ed è favorita dalla presenza di strutture geomorfologiche sepolte (ad es. paleocanali), dalla soggiacenza del piano campagna rispetto al livello medio mare di anche 4 m, e dalla risalita della marea lungo le foci dei fiumi.

Azioni sul documento