Banner 0

Core Scanner XRF - BO

 

foto1.jpg

 

Laboratorio Core Scanner XRF

foto2.jpg

Il laboratorio è dotato di un Core Scanner Avaatech di terza generazione che consente la scansione ad alta risoluzione della fluorescenza indotta.

La scansione di carote tramite la fluorescenza a raggi X (XRF-Core scanner) è una metodologia automatizzata non distruttiva che analizza gli elementi dall’Al all’U della tavola periodica, in un intervallo ampio di concentrazioni (da ppm al 100%). Si possono misurare: carote aperte longitudinalmente, U-channels, sezioni di roccia, speleotemi e campioni discreti con una risoluzione variabile tra 1 cm e 0.1 mm.  La lunghezza massima effettiva dei campioni misurabili è di 1600 mm con una larghezza massima di 140 mm. E’ una tecnica analitica molto efficace perché non necessita di alcun trattamento del campione eccetto la preparazione di un superficie piana. Il core scanner Avaatech è anche munito di una macchina fotografica digitale ad altissima risoluzione (fino a 70 micron) che registra immagini in luce visibile e ultravioletta tramite un software specifico per l’analisi del colore.

Lo strumento viene utilizzato per indagare la variabilità della composizione geochimica delle sezioni stratigrafiche a scopi paleoambientali e paleoclimatici, per l’identificazione di paleosuoli o ceneri vulcaniche, per indagare la mobilizzazione e la ri-precipitazione di elementi sensibili alle condizioni redox, e per valutare la presenza di metalli in traccia.

Il Laboratorio Core scanner XRF fa parte integrante della infrastruttura di Ricerca ISMAR CORE (CNR ISMAR Core Repository) inserita nel PIANO REGIONALE PER LE INFRASTRUTTURE DI RICERCA della Regione-Emilia Romagna (DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 AGOSTO 2018, N. 1383).

Il laboratorio Core Scanner XRF effettua analisi anche per utenti esterni all’Istituto. Per informazioni contattare il Responsabile del laboratorio: stefano.miserocchi@ismar.cnr.it

La geolocalizzazione delle carote analizzate dal laboratorio ISMAR tramite Core Scanner XRF è disponibile tramite l’applicazione web CORE che permette non solo di visualizzare e cercare le carote ma anche di accedere alle relative informazioni, come ad esempio immagini, metadati e risultati. L’applicazione e i suoi contenuti sono soggetti al copyright ISMAR-CNR, rivolgersi ai referenti delle carote o al responsabile del laboratorio per ulteriori informazioni sui dati o per richiederne l’accesso.

mappa.jpg
Clicca sulla mappa per accedere al XRF Core Scanner Archive

Il portale è stato realizzato da Valentina Grande (ISMAR-CNR) con tecnologia HTML5 e pubblicato tramite ArcGIS server e il Content management System Moka (Semenda srl).

 

Personale CNR-ISMAR addetto all’attività:

Miserocchi  Stefano, Gallerani Andrea, Giglio Federico, Giordano Patrizia, Vigliotti Luigi.

foto3.jpg

 

 

 

Azioni sul documento